fbpx

Registro delle opposizioni: come funziona e come iscriversi

privacy google analytics
Google Analytics e Garante Privacy italiano
27 Giugno 2022
perizia informatica forense
Perchè la tua azienda ha bisogno di una perizia di informatica forense
20 Settembre 2022

Registro delle opposizioni: come funziona e come iscriversi

Dal 27 luglio è attivo il nuovo Registro Pubblico delle Opposizioni, che permette agli utenti di opporsi all’utilizzo, per fini pubblicitari (cd. telemarketing), dei numeri di telefono di cui si è intestatari, inclusi i cellulari.

Grazie a questo servizio sarà possibile bloccare il trattamento dei propri dati personali presenti negli elenchi telefonici pubblici da parte degli operatori che ne hanno accesso.

Come ci si iscrive al Registro delle opposizioni

Al Registro delle Opposizioni ci si iscrive gratuitamente in quattro modi:

  • compilando apposito modello sul sito dello stesso Registro;
  • con una telefonata ai numeri 800 957766 (da linea fissa) oppure 06 42986411 (da linea mobile);
  • con una mail, in cui il richiedente deve inviare un modulo con i dettagli della numerazione telefonica da iscrivere, dimostrando di averne la disponibilità (in sostanza, di essere il titolare del contratto);
  • con una lettera raccomandata.

Le chiamate indesiderate diventeranno illegali entro 15 giorni dall’iscrizione del numero al Registro.

Quanto dura l’iscrizione al Registro delle Opposizioni?

Una domanda che l’utente potrebbe porsi riguarda la durata dell’iscrizione al Registro delle Opposizioni.

Sottolineiamo come essa sia valida a tempo indeterminato (non ha dunque scadenza) e che la cancellazione dal registro è ammessa in qualsiasi momento.

Iscrizioni reiterate al Registro Pubblico delle Opposizioni

Con l’iscrizione al Registro l’utente si vedrà azzerare tutti i consensi all’utilizzo dei propri dati personali espressi in passato. Questo dovrebbe garantire una certa tutela da nuove telefonate non desiderate.

Tuttavia, non sarà una soluzione definitiva.

Appena si presterà di nuovo il consenso all’utilizzo dei propri dati a fini commerciali, le telefonate riprenderanno. A quel punto sarà necessario iscriversi nuovamente al registro, cosa che, in ogni caso, si può fare quante volte si vuole.

E se le chiamate indesiderate continuano?

Un rischio possibile è che l’iscrizione al Registro possa servire a poco e che le telefonate indesiderate continuino anche dopo.

Per difendersi, quindi, è necessario presentare una segnalazione o un reclamo al Garante per la Protezione dei Dati Personali, che potrà disporre l’immediata cessazione del trattamento considerato illegittimo e multare il titolare.

Anche qui, non sarà facile: la ragione del numero elevato di telefonate moleste è che le aziende possono chiamare qualsiasi numero se hanno raccolto il consenso dall’utente. La regola numero uno, pertanto, resta quella di tutelare i propri dati e mettere un freno ai consensi al loro utilizzo, spesso frutto di un gesto fatto velocemente senza pensarci troppo, ma con conseguenze “fastidiose” e difficili da prevedere.

Quali sono le sanzioni per chi non si adegua

L’operatore di telemarketing che utilizza i dati presenti negli elenchi telefonici pubblici è tenuto a verificare con il Registro pubblico delle opposizioni le liste dei potenziali contatti.

In caso di violazioni del Registro, si legge nella norma di riferimento, gli operatori rischiano multe molto severe: sono previste sanzioni amministrative fino a 20 milioni di euro o fino al 4% del fatturato annuo.

.
.